Moto in città

Moto nuova o usata?

È uno dei grandi dilemmi del futuro centauro: meglio andare sul sicuro e comprare una moto appena uscita dalla fabbrica o cercare di diminuire le spese con un acquisto usato? Ovviamente prediligere la seconda via espone a rischi, che comunque possono essere mitigati utilizzando delle accortezze:

    • È possibile comprare una moto usata direttamente dal concessionario. Questa strada è da preferire per chi soffre di paranoie da fregature e, scherzi a parte, per chi cerca la via dell’usato sicuro. Naturalmente si spenderà qualcosa in più che a comprare da un privato, va messo in conto.
    • Prezzi troppo bassi = meglio evitare. Come per le auto, esistono listini molto precisi con le valutazioni del mezzo che si vuole acquistare: dipendono da anno di prima immatricolazione, modello, richiesta del mercato. Prezzi troppo al di sotto segnalano situazioni poco chiare: nessuno fa beneficenza in questo mondo, e un annuncio troppo bello per essere vero… è esattamente ciò!

Guardare anche la meccanica. Se fissate un appuntamento per controllare lo stato della moto, non limitatevi a visionare l’esterno, ma andate a vedere ruggine nelle viti, per esempio, o parti metalliche consumate o rovinate, come catena o pignone. I dischi dei freni non dovrebbero presentare rigature (o averne al massimo di lievissime). Ci sono vari altri “esami” visivi che possono essere effettuati in questa fase della valutazione.

  • Gomme usurate? Potrete chiedere uno sconto. È una delle spese più importanti da sostenere quando si acquista una moto, quindi meglio non sottovalutare la questione.
  • Controllare che siano stati fatti tutti i tagliandi. Contemporaneamente, controllare i dati sul libretto della moto.
  • Insistere per effettuare un giro di prova. Una breve passeggiata con la moto che vi interessa potrebbe rivelare rumori o comportamenti indicativi di qualche problema ben nascosto.